Banner contenente il logo di Showdown Italia, l'immagine della bandiera italiana e il logo del CSI.


Conclusione stagione sportiva 2019 2020

Il 30 settembre si avvicina, la stagione sportiva 2019 2020 è in dirittura di arrivo, i tempi per giocare gli eventi sospesi causa Covid 19 si accorciano, l'emergenza Corona Virus e tutti i provvedimenti del caso sono in pieno vigore, il ministro Spadafora sta provvedendo alla stesura di una importante riforma nazionale sullo sport.
Questa è la descrizione accessibile della foto panoramica che immortala l'attuale situazione italiana in ambito sportivo e non solo.
Dovuta la premessa, siamo ad informarvi che il CSI, attraverso Showdown Italia, si sta adoperando per organizzare a settembre 2020 il campionato nazionale individuale e, se possibile, anche il campionato nazionale in doppio.
Attualmente, in ottica organizzazione campionati nazionali, stiamo approfondendo in particolare due situazioni:
una, quella della riforma sullo sport proposta dal Ministro Spadafora, la cui analisi serve per vagliare l'eventuale introduzione di nuove norme da applicare o regole da cambiare.
L'altra, a nostro avviso la più importante, quella dei protocolli anti Covid 19 da rispettare in caso di organizzazione e partecipazione ad eventi sportivi, necessari per garantire l'incolumità di tutti atleti, arbitri, tecnici, accompagnatori, sostenitori e tutti coloro che ruotano attorno al mondo dello Showdown.
Qualora i protocolli da rispettare fossero di difficile applicazione, dovessero pregiudicare la libertà d'autonomia o comportare importanti spese a carico di atleti o società, Showdown Italia non organizzerà, per il momento, i campionati nazionali evitando di far ricadere inutili responsabilità sugli atleti e le società.
Appena lo screening riguardante i tecnicismi organizzativi e di partecipazione sarà completato, vi informeremo sulla fattibilità delle manifestazioni.
Nel caso si potessero giocare gli eventi divulgheremo l'invito di partecipazione, qualora non si potesse, cercheremo, se possibile, di rimandare nuovamente la loro organizzazione.


Torna alla pagina precedente